Faringite

Che cos'è

La faringite è una infiammazione acuta della faringe (una porzione della gola) comunemente causata da una infezione virale o batterica (soprattutto sono responsabili di faringite particolari germi chiamati streptococchi). La faringite streptococcica è contagiosa. L'irritazione della faringe può essere causata, nei giovani e negli adulti, anche dall'assunzione di alcool o dal fumo.

Come si manifesta

I sintomi più comuni sono:
irritazione della gola, deglutizione dolorosa, sensazione di prurito o nodo alla gola, raucedine, febbre, ingrossamento delle ghiandole del collo, dolori ai muscoli e alle articolazioni, mal di testa e perdita di appetito. La faringe può essere ricoperta da una membrana e da pus.

Cosa si deve fare

Le misure dietetiche e igieniche che vengono consigliate sono:
  • Una semplice caramella o una pastiglia per il mal di gola o per la tosse potranno ridurre la secchezza della gola. Ai bambini può essere gradito un cucchiaino di miele, che ha buone proprietà emollienti.
  • Può essere di sollievo fare dei gargarismi con una soluzione di sale da cucina in acqua tiepida (1 cucchiaino di sale in un bicchiere di acqua tiepida) o con un prodotto specifico (collutorio) consigliato dal farmacista.
  • Mantenere umidificato l'ambiente o inalare vapore freddo prodotto con un umidificatore a ultrasuoni, per ridurre il senso di secchezza alla gola.
  • Bere abbondantemente.
  • La dieta deve essere bilanciata; se la gola è troppo infiammata per poter ingerire cibi solidi, bere alimenti liquidi ricchi in nutrienti (es. latte, brodo, ecc.).
  • Se le ghiandole del collo sono gonfie e dolorose si possono applicare degli impacchi umidi tiepidi almeno 4 volte al giorno per 30-60 minuti.
  • Non fumare ed evitare l'esposizione al fumo di altri.
  • Riposare in modo adeguato.
  • I componenti della famiglia con febbre o dolore alla gola dovrebbero essere sottoposti a visita medica ed al prelievo di un tampone faringeo.
  • In genere, si può tornare a scuola o al lavoro 24 ore dopo l'inizio di una eventuale terapia antibiotica prescritta dal medico.
  • Il dolore può essere alleviato con farmaci analgesici, consigliati dal medico o dal farmacista.

Quando rivolgersi al medico

  • Se la temperatura supera i 39° C o se la febbre dura per più di 48 ore.
  • Se le ghiandole del collo diventano molto grosse e tese.
  • Se si sviluppa una eruzione cutanea, tosse o male all'orecchio. Oppure se compaiono nuovi sintomi come: vomito, male all'orecchio, mal di testa molto forte, naso chiuso, dolore al petto, respiro abbreviato o difficoltà di respiro.
  • Se compare un escreato purulento verde, o giallo-bruno, striato di sangue.

Data di redazione Archivio Saninforma.


Copyright © 2000-2016 - Az. Speciale Farmacie Comunali Riunite - Reggio Emilia
É vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini presenti sul sito.