Sindrome premestruale

Che cos'è

La sindrome premestruale si riferisce ad un gruppo di sintomi fisici ed emotivi che compaiono 7-10 giorni prima dell'inizio del ciclo mestruale per poi scomparire poche ore dopo l'inizio del ciclo stesso. La vera causa non è ancora conosciuta: alcune teorie tendono ad attribuire l'origine ad una variazione dell'equilibrio ormonale (estroprogestinico) ed altre ad un'eccessiva o deficiente secrezione di particolari e svariate sostanze chimiche all'interno del nostro corpo. Quindi può essere data da un insieme di più fattori.

Come si manifesta

La tensione premestruale è caratterizzata da nervosismo, irritabilità, instabilità emotiva, depressione dell'umore, ritenzione idrica con conseguente aumento di peso, sensazione di gonfiore, mal di testa, stanchezza e dolore al seno. La maggiore parte delle donne ha uno o più di questi sintomi abbastanza regolarmente, ma non con un'intensità tale da disturbare le normali attività. In altri casi invece possono avere un'intensità tale da disturbare seriamente le normali attività.

Cosa si deve fare

  • Può essere di aiuto annotare mensilmente l'inizio e la fine dei sintomi per 2 o 3 periodi mestruali in modo da non trovarsi impreparati alla comparsa della sindrome premestruale.
  • Esercizi regolari eseguiti seguendo tecniche di rilassamento possono aiutare a sopportare meglio lo stress, dal momento che questo aumenta l'intensità dei sintomi.
  • E' importante avere un'alimentazione ben equilibrata evitando caffeina, alcool, tabacco e, per limitare la ritenzione di acqua, è bene limitare l'assunzione di sale.

Quando rivolgersi al medico

  • Nel caso la tensione premestruale sia particolarmente dolorosa ed insopportabile.
  • Nel caso vi siano anche disturbi mestruali.

Data di redazione Archivio Saninforma.


Copyright © 2000-2016 - Az. Speciale Farmacie Comunali Riunite - Reggio Emilia
É vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini presenti sul sito.